Pensa a una fiaba come a una specie di computer.

Una “macchina” che prende luoghi, situazioni, personaggi, e li trasforma in storie e miti.

Non è poi molto diverso da un gioco (o un videogioco), ed è per questo che lavorare con le fiabe può essere parecchio divertente.

In questo webinar vediamo insieme come funzionano le fiabe, e come possiamo giocare con loro per crearne di nuove.

Ma Cappuccetto Rosso sarà forte a Fortnite?

DAVIDE MOROSINOTTO
Nato nel 1980 in provincia di Padova, laureato in Scienze della Comunicazione, oggi vive a Bologna ed è uno scrittore, traduttore e giornalista italiano.
Nel 1997 è stato finalista al premio Campiello Giovani con il racconto L’amico del figlio, mentre nel 2004 ha vinto il premio Urania per le opere di fantascienza. Nel 2007 gli è stato assegnato il Mondadori Junior Award per il romanzo La corsa della bilancia (Mondadori).
Nella sua carriera ha utilizzato diversi pseudonimi, collaborando con altri scrittori italiani tra cui Pierdomenico Baccalario e Alessandro Gatti.
Ha pubblicato circa trenta romanzi con i principali editori italiani (come Mondadori, Piemme, Fanucci e Edizioni EL) e molti dei suoi lavori sono stati tradotti in oltre 14 lingue.
Insieme a Teo Benedetti, nel 2016, ha pubblicato Cyberbulli al tappeto, un manuale sul corretto uso dei social network per prevenire il fenomeno negativo del cyberbullismo.
Il suo romanzo Il rinomato catalogo Walker & Dawn (Mondadori) ha ricevuto il premio Frignano Ragazzi 2016, il premio Gigante delle Langhe 2017 e il Premio Andersen 2017 come “Miglior Libro Sopra i 12 Anni” ed è stato venduto in diversi paesi.                                                                                                        Con il romanzo La più grande (Rizzoli) ha vinto il Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2021.

Iscrizioni aperte dal 27 gennaio 2022 fino a esaurimento posti.

Clicca qui per iscriverti!

Il webinar è volto a scoprire lo stretto legame tra Fiaba e Natura.

La fiaba si nasconde dentro ogni paesaggio. È custodita nel tronco cavo di un albero, nel fruscio del vento, dentro una conchiglia, in un fagiolo o in una goccia d’acqua, dietro il fianco della montagna.

L’eroe, l’orco, i draghi, le fate, i principi e le principesse vivono ogni loro avventura in simbiosi con gli elementi naturali che si manifestano con mille volti. Importante è dialogare con la natura per trovare la nostra voce. E da questo speciale dialogo si potrà trarre spunto per raccontare infinite fiabe.

Esploriamo, dunque, il mondo delle fiabe per sperimentare concretamente questo incontro magico.

ROSA TIZIANA BRUNO
Sociologa, educatrice National Geographic e scrittrice. È autrice di saggi sull’educazione, racconti fiabeschi, romanzi e guide museali per adulti e bambini, pubblicati in Italia e all’estero. Conduce studi e ricerche sulla didattica narrativa e organizza percorsi di formazione docenti sull’educazione alla lettura. Collabora con il National Geographic e dal 2014 cura la direzione artistica del festival ICWA di letteratura giovanile “Scampia Storytelling”.
Premio Andersen (Tweet da favola) 2013; Premio Candelaio Junior (2017); Selezione Premio Bancarellino (2017 e 2018); Menzione speciale, Premio ASViS – Giusta Transizione (2020); Nomination italiana, Premio UNESCO-Japan di Educazione alla Sostenibilità (2021) e Menzione speciale, Premio Acqui Storia (2021).
Tra le sue pubblicazioni: La mia scuola (libro collettivo, Einaudi, 2005); Insegnare con la letteratura fiabesca (Raffaello, 2018); Educare al pensiero ecologico (Topipittori, 2020); La pasticceria Zitti (La Margherita, 2014); Un ribelle a Scampia (Paoline, 2015); Scampia Storytelling (Notes, 2016); Missione Magna Grecia (Mondadori Electa, 2019); Kairos. Un giorno in Magna Grecia (Mimebù, 2021). È pubblicata anche all’estero.

Iscrizioni aperte dal 3 febbraio 2022 fino a esaurimento posti.

Clicca qui per iscriverti!

La composizione collettiva è un’attività di grande piacere per i bambini e le bambine. È un momento cooperativo che permette di produrre un testo, giocando a inventare insieme, affabulando un po’ ma senza mai perdere la rotta del filone principale della storia.

Deve sicuramente essere anticipata da diverse letture da parte dell’insegnante, che permettono di destrutturare l’impianto di un semplice racconto fiabesco per evidenziarne i nodi essenziali. Ma la composizione non è un tecnicismo. È bello, infatti, lasciarsi andare al flusso narrativo, giocando con i personaggi, immaginando gli ambienti, esplorando possibili trame fino a scegliere quella preferita. Oppure divertendosi a portarle tutte a termine in più momenti. A questo scopo, durante la stesura è interessante non buttare via nessuna idea dei partecipanti, ma semmai rielaborarla e adattarla in gruppo, permettendo a ciascun alunno e a ciascuna alunna di sentirsi parte del processo creativo.

Costruire la storia insieme, con i compagni, le compagne e l’insegnante, permette inoltre di arricchire il lessico e di esercitare la funzione di riorganizzazione delle idee tipica del pensiero narrativo, meglio se supportata da immagini stimolo.

E la scrittura vera e propria? Quella rimane un compito della maestra o del maestro, che fanno da scrivano. Ma se l’insegnante si stanca di scrivere? Esiste il testo orale, troppo spesso trascurato a scuola, che si compone e si monta grazie all’uso di una semplice funzione del cellulare.
Ogni strada è lecita per cimentarsi nell’avventura della composizione fiabesca a misura della fantasia dei bambini e delle bambine.

ROBERTO MORGESE
Nato a Milano nel 1965, laureato in Filosofia a cui ha aggiunto studi di psicologia, vive e lavora a Parabiago ed è insegnante nella scuola primaria e formatore per il corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria dell’Università di Milano-Bicocca.
Autore di numerosi libri, ha vinto nel 2010 il Premio Montessori con il suo primo romanzo per ragazzi Un’amicizia in ballo. Da allora ha pubblicato per diversi editori per varie fasce d’età; dagli indovinelli in rima (Giunti) alle prime letture (Raffaello, Gribaudo, Giunti), dai racconti per bambini (Raffaello, Mondadori, Fabbri, Piemme, Epoké), ai romanzi per ragazzi su temi di attualità o storici come il lavoro minorile, i conflitti armati, l’inclusione sociale, la conservazione ambientale, gli ideali della Rivoluzione Francese (Paoline, Piemme, Campanila, Notes, Epoké). Ha partecipato ad alcune raccolte antologiche coordinate da ICWA (Associazione italiana di scrittori per giovani lettori).
Nel 2017 ha vinto il Premio Battello a Vapore e nel 2019 il Premio Il Gigante delle Langhe con Nuno di niente, a cui si sono affiancati nel tempo riconoscimenti in altri premi letterari di narrativa per bambini e ragazzi.
Ha pubblicato anche in ambito di saggistica didattica, scolastica e parascolastica (Erickson, Giunti, Junior, Carocci) come autore o coautore.
Appassionato di arte e di natura, gli piace anche dare, come può, il proprio contributo nella società civile.
Tra le sue pubblicazioni si ricordano: Nuno di niente (Piemme 2018), Gli animali di casa (con Barbara Bongini, Giunti Kids 2019), Nero diamante (Paoline Editoriale Libri 2019), Gara di mucche (Piemme 2019), Muto come un pesce (Giunti Editore 2019).

Iscrizioni aperte dal 10 febbraio 2022 fino a esaurimento posti.

Clicca qui per iscriverti!

 

Attraverso l’esempio di diversi testi, verranno affrontato il meccanismo e l’idea di base di quelle storie a cui i bambini del secondo ciclo delle primarie possano fare riferimento per produrre racconti che siano insieme coerenti ma anche divertenti.

Qualcosa, insomma, che non sostituisce i riassunti e i testi tradizionali, narrativi, descrittivi e quant’altro, ma che li completa, rivelando anche l’aspetto ludico della scrittura.

Si ragionerà sul punto di vista, sui finali a sorpresa, sul gioco dell’esitare, sui linguaggi usati in maniera impropria e altro ancora. Sarà inoltre dedicato spazio a Gianni Rodari e al suo binomio fantastico, straordinario meccanismo dell’invenzione.

STEFANO BORDIGLIONI
Nato a Roma nel 1955, per anni ha lavorato come insegnante nella scuola primaria.
Dal 1997 scrive per Edizioni EL, Einaudi Ragazzi, Emme Edizioni. Alcuni dei suoi libri più conosciuti parlano di scuola: Scuolaforesta, Il capitano e la sua nave, La congiura dei Cappuccetti, Biscotti Quiz, Guerra alla grande melanzana e poi ancora, tra quelli di maggior successo, Dal diario di una bambina troppo occupata, Giochi di scrittura, Voci dal mondo verde e molti altri.
Da qualche anno scrive racconti che hanno una base storica. Tra questi, Storie prima della storia, Piccole storie di grandi civiltà scomparse, All’ombra delle piramidi, Fra le mura di antiche città.
Per i suoi libri ha ricevuto numerosi riconoscimenti, fra cui i premi «Gianni Rodari – Città di Orvieto», «Hans Christian Andersen – Baia delle favole» e «Colette Rosselli». Molti dei suoi libri, fra i quali la serie «Dinodino – Avventure nel Giurassico», sono stati tradotti e pubblicati all’estero. È anche autore di canzoni per ragazzi ed è stato autore di programmi televisivi.
Da qualche anno collabora con la Bottega Finzioni, scuola di scrittura di Bologna.

Iscrizioni aperte dal 17 febbraio 2022 fino a esaurimento posti.

Clicca qui per iscriverti!

 

Webinar rivolto a illustratori, disegnatori, fumettisti, sceneggiatori e scrittori.

Sergio Badino ci guida in un viaggio alla scoperta delle connessioni tra racconto illustrato e sceneggiatura, colmo di dritte concrete per costruire una storia che nasca sia per essere illustrata attraverso immagini che accompagnino le parole in un albo per l’infanzia, sia per essere raccontata a fumetti. Mondi solo in apparenza distanti, quelli del libro illustrato e del fumetto (seriale o in forma di romanzo grafico, il graphic novel), ma in realtà simbiotici: entrambi prevedono la presenza di un testo visibile, quello per il lettore, e di uno invisibile, destinato a illustratori e disegnatori e non presente nell’albo stampato.

È il testo della sceneggiatura, con le indicazioni che l’autore del testo pensa e scrive a uso esclusivo del suo “complice” armato di matita e colori, l’autore dei disegni.

Saper scrivere per immagini e sapere poi leggere e interpretare al meglio le parole dello scrittore sono i primi passi per il compimento del grande lavoro di squadra alla base dell’albo illustrato e del fumetto.

SERGIO BADINO
Nato a Genova nel 1979, dal 2001 è sceneggiatore di Topolino e nel 2009 entra nello staff di Martin Mystère (Sergio Bonelli Editore): con le storie Protocollo Leviathan, Il Nilo Giallo e La Frequenza del Caos vince per tre volte il Premio Atlantide come miglior esordio (2014), miglior storia (2017) e miglior sceneggiatore (2021). Ha scritto la storia di Dylan Dog Il banco dei pegni (Dylan Dog Color Fest n. 7).
Tra i suoi libri La via del ricordo (EDB, 2020), Il manuale del detective (EmmaBooks, 2020), Un drago in metropolitana (CoccoleBooks, 2021), Professione Sceneggiatore (Tunué, I° ed. 2007; II° ed. 2012; III° ed. 2021), Mi ricordo di te (Giunti, 2021).
Ha scritto per le serie animate televisive Mostri & Pirati (2007), Ondino (2010) e 44 gatti (2018).
Ha insegnato sceneggiatura e scrittura creativa al DAMS di Imperia, all’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova, all’Università IULM di Milano. Nel 2012 ha fondato la scuola di scrittura StudioStorie.

Iscrizioni aperte dal 24 febbraio 2022 fino a esaurimento posti.
 

Clicca qui per iscriverti!

Imparare a leggere serve a dare regole per scrivere.

Durante il webinar Sofia Gallo presenterà cinque libri per “adulti” e cinque libri per “young adults”, scelti da lei per una lettura critica. Verranno evidenziati gli ingredienti “fiabeschi”, i contenuti, il ritmo e altri elementi che li rendono coinvolgenti ed efficaci.

I libri scelti non saranno conosciuti dal grande pubblico giovanile, ma saranno di facile accesso per i lettori. Una sfida, dunque, ad aprirsi a letture insolite e un modo per conoscere le regole base per una valida prova di scrittura. Seguirà dibattito aperto con dubbi e domande.

SOFIA GALLO
Sofia Gallo è nata e sempre vissuta a Torino, con varie parentesi date dai suoi viaggi e soggiorni in giro per il mondo. Dopo aver speso molti anni nella scuola come insegnante di Lettere e aver collaborato con alcune testate giornalistiche e case editrici, a metà degli anni ’90 ha iniziato a scrivere racconti per bambini e ragazzi e da allora non ha più smesso.
Ha scritto vagando un po’ dappertutto, dalla catena del Bianco agli anni ’70, dalla Cina al Marocco, dalla Turchia ai nomadi del deserto, dal popolo Saharawi ai profughi della guerra in Kosovo, dal Cile all’Ucraina, avvalendosi per lo più di testimonianze dirette. Ha raccontato ciò che attiene alla vita di ogni giorno e alla crescita dei giovani tutti, in qualsiasi parte del mondo e in qualsiasi momento storico essi vivano.
Tra i molti suoi libri: Un’estate in rifugio (Salani, 2021), Fuori di galera (con Pino Pace, Marcos Y Marcos, 2020), L’ultima mela (Settenove, 2019), La mini e la luna (Libri Volanti, 2018), In una settimana (San Paolo, 2017), Viola è Viola (Notes edizioni, 2016), I lupi arrivano col freddo (EDT- Giralangolo, 2013-16), La lunga notte (Lapis, 2013), Diritto di volare (Giunti, 2010-2022), Tu non sei più qui (Paoline, 2009).

Iscrizioni aperte dal 3 marzo 2022 fino a esaurimento posti.

Clicca qui per iscriverti!

Che cos’è una fiaba, dalle origini ad oggi. La struttura narrativa e i meccanismi che la governano.

Il linguaggio, le ambientazioni e i personaggi.

Un genere ben definito che lascia alcune libertà creative.

La fiaba per bambini e quella per ragazzi e giovani adulti, cosa cambia?

Riflessioni sul linguaggio narrativo contemporaneo.
Consigli pratici.

LODOVICA CIMA
Nasce a Lecco, ma vive e lavora a Milano. È laureata in Letteratura italiana comparata alla Letteratura inglese.
Da 30 anni lavora nell’editoria per ragazzi, dapprima come redattrice e poi, dal 1996 come autrice/progettista e consulente editoriale. Ha pubblicato più di 200 titoli. Ha creato e diretto per nove anni la collana di narrativa per ragazzi La giostra di carta per Bruno Mondadori Editore. È stata consulente alla direzione editoriale di Taffimai, un editore digitale per bambini che pubblica in 5 lingue. È stata formatrice presso la società Langue et Parole.
È coordinatrice dei Periodici per Ragazzi del Gruppo Editoriale San Paolo.
Dirige la collana Tandem e la collana Mi Piace non mi piace per Editrice Il Castoro. È fondatrice e editor della casa editrice per ragazzi Pelledoca.
Tiene corsi di aggiornamento per insegnanti, incontri con bambini, ragazzi e genitori nelle scuole, incontri di lettura animata anche per bambini della scuola dell’infanzia.
Insegna da 17 anni al Master per L’Editoria istituito dall’Università degli studi di Milano e dalla Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori.

Iscrizioni aperte dal 10 marzo 2022 fino a esaurimento posti.

Clicca qui per iscriverti!

Creiamo insieme una scatola delle parole, e chiediamo aiuto al genio, che ci vive dentro, per creare tanti racconti diversi partendo da un’unica parola.

Dalla trama (cos’è una trama?), ai personaggi (protagonisti, coprotagonisti, secondari, comparse), all’ambientazione (mare, montagna o spazio interstellare), impariamo a creare un racconto.

ELISABETTA GNONE
Nata a Genova, giornalista e scrittrice italiana, è stata direttore responsabile delle riviste femminili e prescolari della Walt Disney, per la quale ha ideato la serie a fumetti W.I.T.C.H., destinata a un successo mondiale e pubblicata in oltre 120 paesi.
Nel 2005 ha pubblicato per Salani Il Segreto delle Gemelle, il primo libro della fortunatissima trilogia di Fairy Oak, a cui sono seguiti L’incanto del buio, Il potere della luce e la tetralogia I Quattro Misteri.
Dal 2015 pubblica, sempre per Salani, Le storie di Olga di carta che l’hanno confermata tra le autrici più amate a livello internazionale.
Oggi vive con la sua famiglia sulle colline del Monferrato, dove continua a scrivere libri.

Iscrizioni aperte dal 17 marzo 2022 fino a esaurimento posti.

Clicca qui per iscriverti!